Sensori iperspettrali

I sistemi di ripresa e analisi iperspettrali rappresentano una tecnica dalle grandi potenzialità, nel campo delle analisi ambientali.
Alla base dei sistemi di telerilevamento iperspettrale vi è la proprietà fisica degli oggetti di emettere o riflettere radiazione su varie bande, oltre a quella visibile, con intensità variabile in funzione delle proprie caratteristiche chimico-fisiche.

Analogamente ad altri sistemi di rilevamento aviotrasportati, come le camere fotogrammetriche o i sistemi LiDAR, con cui può essere integrato per l’acquisizione di informazioni complete sul territorio di indagine, il sensore iperspettrale è normalmente impiegato unitamente ad un sistema di posizionamento GPS-Inerziale per la georefenziazione delle immagini prodotte.

I radiometri iperspettrali misurano la radiazione riflessa in molte bande strette e contigue, ovvero per ogni banda di misura è acquisita una immagine, per ciascuna delle quali un pixel rappresenta la riflettanza ad una precisa lunghezza d’onda della zona di terreno vista da quel pixel.

Dall’analisi dei dati raccolti dal sensore iperspettrale, anche mediante la combinazione dei dati acquisiti su diversi canali, si possono elaborare immagini in falsi colori rappresentative delle caratteristiche delle superfici indagate.

Camera Iperspettrale RIKOLA HSC-2

 Scarica la brochure

Questo prodotto innovativo fornisce immagini istantanee nel range spettrale VIS-VNIR. RIKOLA è l'unica camera in grado di attribuire un valore spettrale per ogni pixel senza utilizzare nessuna interpolazione.

I sistemi di ripresa e analisi iperspettrali come questo rappresentano una tecnica dalle grandi potenzialità, nel campo delle analisi ambientali.
Alla base dei sistemi di telerilevamento iperspettrale vi è la proprietà fisica degli oggetti di emettere o riflettere radiazione su varie bande, oltre a quella visibile, con intensità variabile in funzione delle proprie caratteristiche chimico-fisiche.
I radiometri iperspettrali misurano la radiazione riflessa in molte bande strette e contigue, ovvero per ogni banda di misura è acquisita una immagine, per ciascuna delle quali un pixel rappresenta la riflettanza ad una precisa lunghezza d’onda della zona di terreno vista da quel pixel.
Dall’analisi dei dati raccolti dal sensore iperspettrale, anche mediante la combinazione dei dati acquisiti su diversi canali, si possono elaborare immagini in falsi colori rappresentative delle caratteristiche delle superfici indagate.
Ogni pixel dell'immagine spettroscopica contiene un spettro composto da un elevato numero di bande (in radianza o riflettanza) che può essere utilizzato per caratterizzare gli oggetti nella scena con grande precisione e di dettaglio.


La camera RIKOLA può essere utilizzata per varie applicazioni come, ad esempio, agricoltura, selvicoltura, ricerca d'acqua ed anche in campo medico.

Caratteristiche

  • risoluzione 1024 x 1024 senza interpolazione;
  • fino a 1000 bande molto strette e programmabili;
  • memoria a bordo da 1TB sistema Linux;
  • GNSS ed IMU.