• Home
  • /
  • Il Rilievo 3D veloce, accurato e semplice quanto una camminata.

Il Rilievo 3D veloce, accurato e semplice quanto una camminata.

L’evoluzione del rilievo 3D sta vivendo un passaggio epocale. Sempre di più si sente la necessità di passare da un Laser Scanner Terrestre a un Laser Scanner in movimento.

Esigenza d’altronde dettata dal mercato: è richiesta sempre più velocità nell’acquisizione dei dati laser e sempre più produttività.

Il rilievo in movimento non è certamente una novità, ma il vero limite nell’utilizzare questa tecnologia è vincolata alla presenza del segnale GPS, oltre ai costi elevati di questi sistemi.

Il passaggio epocale nell’utilizzo del Laser Scanner in movimento in assenza di segnale GPS oggi è possibile grazie alla tecnologia SLAM.

Senza entrare troppo nello specifico si tratta di una tecnica dove lo strumento che si muove in un ambiente sconosciuto costruisce in “tempo reale” la mappa di tale ambiente.

SLAM è l’acronimo di Simultaneous Localisation And Mapping e i leader indiscussi di questa tecnologia è la società inglese GeoSLAM.

Oltre ad ottimizzare l’algoritmo SLAM si sono spinti a creare hardware e software estremamente versatili e unici.

Ecco le 5 principali unicità:

  1. Modularità dei sistemi Laser
  2. Laser Scanner in grado di lavorare con qualsiasi inclinazione
  3. Lavora anche in assenza di luce
  4. Possibilità di rilevare dei punti di controllo
  5. Funzione di ri – processamento dei dati laser

… ma vediamole nel dettaglio queste unicità

Modularità dei sistemi Laser

GeoSLAM produce strumenti per tutte le tasche e per tutte le applicazioni. Infatti se devo effettuare rilievi principalmente in interno il prodotto più adatto è lo ZebGO. Il sistema è anche implementabile con un Tablet qualora si avesse la necessità di vedere direttamente in campagna il risultato. Inoltre, è possibile inserire una video camera oppure con una fotocamera panoramica. Se i rilievi si svolgono in esterno fino a 30 m è possibile utilizzare sempre lo Zeb Go, ma per distanze superiori lo strumento più idoneo è lo Zeb Horizon.

Quest’ ultimo in particolare è estremamente versatile. La GeoSLAM, ad esempio, produce una staffa dedicata per il posizionamento su drone e su auto. È possibile espandere il sistema a mezzo di uno zaino dedicato con una macchina fotografica sferica ad alta risoluzione qualora per esempio l’oggetto del rilievo è un centro abitato, o addirittura integrare sempre nello zaino anche un’antenna GPS.

 

Laser in grado di rilevare con qualsiasi inclinazione

Questo è un aspetto per nulla trascurabile. Sono presenti sul mercato Laser Scanner sempre con tecnologia SLAM che non possono essere inclinati per acquisire in quanto si bloccano nella fase di acquisizione.

Questo non avviene con GeoSLAM, tant’è che una delle applicazioni è proprio quella del rilievo dei pozzi. In questi particolari contesti viene prodotta un’asta per calare il sistema nei pozzi o per portare lo strumento in quota.

Lavora anche in assenza di luce

Altro aspetto fondamentale, a differenza di altri sensori SLAM sul mercato che utilizzano le fotocamere per “vedere” dei punti e correggere la traiettoria, i prodotti GeoSLAM lavorano anche totalmente al buio perché sono in grado di riconoscere le geometrie degli oggetti acquisiti.

Possibilità di acquisire punti di controllo

Questa caratteristica rende il Laser Scanner GeoSLAM uno strumento topografico.

A mezzo di una piastra alloggiata alla base dello strumento è possibile acquisire punti di coordinate note siano essi orizzontali e verticali. In post-processamento dei dati, quindi, è possibile effettuare una roto – traslazione rigida e non rigida migliorando ulteriormente il calcolo della traiettoria.

 

Ri – processamento dei dati laser

Questo è un aspetto che non ha prezzo. Molto probabilmente ti starai chiedendo perché potresti avere la necessità di riprocessare i dati.

Prendiamo ad esempio che nella zona di rilievo non sono presenti sufficienti superfici di collegamento tali da permettere al software di svolgere il calcolo con i parametri standard, e questa mancanza di superfici la scopriamo solamente quando si elaborano i dati.

Questo significa non eseguire il rilievo o dover ritornare ed effettuare le misure. Avere la possibilità di intervenire sull’elaborazione per modificare per esempio il parametro di sovrapposizione della superficie in comune, oppure aumentare o diminuire il numero di punti utili per definire una geometria e altri parametri, garantisce di non bloccarsi in campagna e concludere sempre il lavoro.

Parleremo della versatilità e dalla produttività degli strumenti GeoSLAM nel webinar organizzato da Microgeo dal titolo “Superbonu 110%: Rilievi 3D veloci, accurati e semplici quanto una camminata” per venerdì 26 marzo ore 10.00. Di seguito link diretto per registrarsi al webinar: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_JL6YMC5YRlG7knrVCxiAZA

Se vuoi scoprire tutte le potenzialità della tecnologia introdotta da GeoSLAM puoi richiedere una CONSULENZA GRATUITA chiamando il numero 055 – 8954766 oppure inviando una mail a info@microgo.it

 

Richiedi Informazioni