• Home
  • /
  • News & Eventi
  • /
  • La Fortezza da Basso di Firenze - nuove tecnologie per il rilievo e il restauro

La Fortezza da Basso di Firenze - nuove tecnologie per il rilievo e il restauro

La direzione urbanistica del Comune di Firenze ha avviato una prima fase di studi e ricerche per disporre di un quadro di riferimento affidabile in vista del progetto di restauro e messa in valore della Fortezza Alessandrina più comunemente nota come Fortezza da Basso.

Per rilevare la fortezza sono stati utilizzate tecniche di misura miste: fotogrammetria e sistemi a scansione laser sia terrestri che mobili, ovvero installati su un'autovettura che ha percorso sia all'interno della fortezza che suo perimetro esterno. Complessivamente sono state acquisite oltre 3000 immagini e realizzate più di 536 scansioni per avere quasi 17 miliardi di punti per conoscere posizione e dimensione di ogni blocco di pietra e di mattone nello spazio tridimensionale. Non poteva certo mancare l'utilizzo di un sistema a pilotaggio remoto utilizzato per il rilievo dei camminamenti.

Tutti sistemi citati (fotogrammetria, laser scanner, droni) forniscono nuvole di punti che che, ad oggi, sono il miglior modo possibile per documentare la realtà nelle sue tre dimensioni.